ESCLUSIVA - Bernardeschi: La Juve è di un'altra categoria. Futuro a Torino? Io voglio...

Il 2016 di Federico Bernardeschi si è concluso con una grande crescita. Il talento del trequartista carrarese è finalmente sbocciato e la Fiorentina sta provando a blindarlo per allontanarlo dai numerosi rumors di mercato che lo vogliono vicino a Inter, Juventus e Premier League. Parlando ai microfoni di Premium Sport, Bernardeschi ha commentato così l'anno appena conclusosi: "Penso sia stato un anno moto positivo. Abbiamo fatto vedere chi siamo, attraverso il nostro gioco, le nostre qualità e le nostre idee. Non è facile trasmettere questo alla gente, per questo credo sia stato positivo. Il punto più in alto è stato quando alla fine del girone d’andata dello scorso anno eravamo in testa alla classifica. Il punto più critico è stato quando provavamo a esprimere il nostro gioco ma non venivano i risultati. E poi subentrano una serie di cose all’interno della squadra che demoralizzano un po’ il gruppo”. JUVE SUPERIORE A TUTTE - "La Juve è di un’altra categoria, sia come giocatori che come società perché non è facile ripetersi per molti anni di seguito. Poi dietro ci sono altre squadre forti come la Roma, il Napoli, il Milan che sta venendo fuori e la Lazio. Ma noi siamo lì perché abbiamo le qualità per stare lì e ci dobbiamo restare”.
 
SUL MERCATO - "Interesse di Inter e Juve? Credo che un calciatore debba pensare al campo. Poi quello che verrà non è un problema mio. Devo lavorare per migliorare sempre di più e poi vedremo cosa succederà. I giocatori più forti al mondo? Il portiere Buffon, in difesa direi Sergio Ramos, a centrocampo dico Iniesta che mi ha impressionato tantissimo dal vivo e poi davanti Messi, Ronaldo, Neymar e Suarez. Sono questi i più forti".