VIDEO Spalletti fa infuriare i tifosi della Roma: Noi accostati alla Juve? Non scherziamo, loro sono davanti anche a Real e Barcellona perche' hanno..

SPALLETTI A SKY SPORT

Si può rilassare ora, in casa siete impenetrabili, con secondi tempi così convincenti.

E’ cominciata così la partita, abbiamo dettato il gioco in velocità, siamo stati un po’ meno cattivi che nel secondo tmepo. Nel primo non siamo riusciti a far gol, poi quando loro hanno ribaltato l’azione si  è inserito l’uomo alle spalle dei centrali facendo una palla gol e un gol. Poi nelle complicazioni si è tirato fuori carattere e cattiveria che potevamo tirare fuori anche nel primo tempo, ma poi si è vinto.

Miglior El Shaarawy della stagione, magari va stimolato?

Ha fatto bene, una buona partita ed è stato determinante con una bella punizione. In alcuni momenti in cui deve essere determinante, nel portare a casa un contrasto e fare una corsa per lavoro sporco gli viene un po’ meno, ma ci ha dato una mano importante. L’ho scelto anche per questo ed ha risposto. Io ho fuori altri calciatori, Perotti Iturbe e Totti stasera. Ogni tanto devo fare delle scelte, ogni tanto si sbaglia e ogni tanto si azzecca.

La Roma ha fatto grandi numeri a livello di punti in questo anno.

Sono traguardi importanti nel confronto europeo. Ci accostiamo sempre al lavoro della Juve, che è davanti anche al Real e al Barcellona, quindi la Juve è la più forte. Noi tentiamo di rosicchiarle punti, per avvicinarci, vorremmo vedere andandole più vicino com’è fatto quel mondo lì ma non ci si riesce. Ma non vuol dire che il nostro lavoro non abbia valore.

Rinnovo?

Mi ha visto nervoso e mi dispiace, mi avete detto di rilassarmi ora dopo la partita.

Intendevamo che è la fine delle ostilità e della tensione di qualsiasi allenatore per quest’anno.

In questa situazione romana mi sento perfettamente a mio agio, è proprio casa mia.

I tre centrali erano molto stretti, costringendo gli esterni a fare il quinto, anche nel gol subito, magari per poco coraggio dei tre centrali.

Abbiamo fatto buona partita, il rischio era sulle loro verticalizzazioni improvvise, loro vanno dritto per dritto, non sono come Samp o Fiorentina che avvolgono il gioco. Il primo pensiero è sui due attaccanti, si era chiesta questa attenzione qui quando perdiamo palla. Sui gol loro, Vermaelen e gli altri erano dentro l’area e in quel caso Bruno Peres doveva arrivare a fare il quarto di difesa, ci è arrivato in ritardo in una occasione e in una lo hanno anticipato. Non è dipeso dai tre centrali, hanno fatto bene il proprio lavoro. Siamo stati poco cattivi nel primo tempo, nel secondo abbiamo fatto valere la qualità del nostro gioco.

Nessuno aveva tirato tante volte in porta contro il Chievo, che mette in difficoltà tutti.

Loro sono una delle migliori difese del campionato anche se sono cortissimi. La loro difesa viene sempre su, giocargli tra le linee è difficilissimo e avvalora di più la prestazione da professionisti della Roma.

E’ la seconda volta che parla del rinnovo in questi termini, aveva detto anche ‘se Totti non rinnova non lo faccio neanche io’, anche se era un’iperbole. Un po’ come fa Mourinho, vuole togliere la pressione dai giocatori per portarla su se stesso per fargli superare la sconfitta con la Juve?

Mi dà più valore della mia possibilità, non arrivo a tanto. Nel calcio le cose cambiano velocemente, ogni tanto si fa l’inventario della situazione. Se gli elementi dicono che ci sono numeri corretti per andare avanti oppure no. A Roma se non si vince si vive male, è così. Noi dobbiamo vincere, abbiamo la necessità di vincere.

Per rinnovare deve vincere quindi.

Cambia l’interpretazione o quello che vogliono far passare. Io l’ho detta anche 4 o 5 volte la stessa cosa in maniera diversa. La stessa intervista l’ho fatta un mese fa. Firmo due mesi prima della fine della stagione per essere chiari con la società se gli elementi dicono che si può andare avanti.